Accesso ai servizi

Il Castello di San Zeno

Il Castello di San Zeno


La prima struttura militare di epoca marchionale, se non addirittura precedente, va ricercata nella zona dell’attuale Castel San Zeno, situata nella parte orientale della città. Un’osservazione approfondita rivela tracce di differenti epoche costruttive: i muri sono di laterizio, ma al suolo notiamo la presenza di mattoni alternati a grossi blocchi di pietra trachite dei Colli Euganei.
L’edificio ha subito numerosi rimaneggiamenti, alcuni dei quali hanno mascherato l’originaria struttura.
Il fossato interno non è più rilevabile, ma esisteva ed era di dimensioni considerevoli; l’ultimo tratto venne colmato soltanto agli inizi del 900.
Il fossato era scavalcato da ponti le cui arcate esistono ancora sotto il piano stradale; all’inizio del XVIII secolo i ponti levatoi in legno furono tolti e sostituiti con ponti in cotto, però è ancora possibile vedere il foro per la carrucola della catena che abbassava la passerella pedonale.
Il castello vero e proprio è costituito da quattro ambienti attorno ad un cortile interno con due torri minori piantate di sgembo.
I muri sono piuttosto spessi (125 cm) la merlatura manca o è stata rifatta ma si ritiene in modo abbastanza fedele ed anche alcune porte e finestre non corrispondono più a quelle originali.
La torre è l’edificio militare più antico della città, che domina dall’alto dei suoi 38 metri e rappresenta una delle caratteristiche salienti della cinta fortificata.
L’interno dell’antico castello, dove è possibile osservare il ballatoio ligneo coperto, recentemente restaurato, è stato adattato ad uso pubblico: l’ala veneziana comprende due grandi sale per conferenze e mostre; gli ambienti del Castello vero e proprio ospitano il Centro Studi sui Castelli che opera dal 1954 e raccoglie una cospicua documentazione sui castelli di tutta Europa, il Museo Civico, la Biblioteca Comunale, l’Archivio Storico municipale e il gruppo “Prototeatro”.